• Facebook
  • Twitter
  • YouTube
  • Instagram

Si è svolto nella mattinata del primo aprile al Quirinale l’incontro tra il Presidente della Repubblica Giorgio Napolitano, il commissario unico per Expo Milano 2015 Giuseppe Sala e il commissario del Padiglione Italia Diana Bracco per fare il punto sui lavori in vista dell’Esposizione Universale. 

Al ricevimento da Napolitano era presente anche il ministro alle Politiche agricole, alimentari e forestali Maurizio Martina, promotore del meeting. 

Su Expo Milano 2015 il Presidente della Repubblica ha detto che è il momento “di andare avanti spediti, perché questa è l’occasione di rilancio per il nostro Paese”. 

Durante il colloquio, durato più di un’ora, il Presidente si è informato sui lavori nel cantiere del sito espositivo, sulle stime sui posti di lavoro che verranno creati, sull’andamento degli investimenti pubblici e privati e sulla partecipazione dei Paesi. 

Su quest’ultimo punto l’Esposizione Universale di Milano vanta già un record: 60 padiglioni di singoli Stati contro i 40 dell’edizione di Shangai. 

A Diana Bracco il Presidente ha espresso la sua speranza che il Padiglione Italia sia un vivaio di talenti, “perché dobbiamo mostrare non solo le bellezze dell’Italia, ma dimostrare anche che siamo capaci di slancio, di innovazione”. 

Giorgio Napolitano, da sempre interessato alla riuscita dell’Expo, ha infine invitato le istituzioni coinvolte a fare squadra e a pensare positivo.

 

 

 

 

 

02/04/14
Categoria: Impresa e Istituzioni

Tipologia: Scenario nazionale