• Facebook
  • Twitter
  • YouTube
  • Instagram

Si è tenuto lunedì 4 novembre nella sede di Regione Lombardia il Tavolo Expo. 

A lavori conclusi, è seguita la conferenza stampa. Hanno partecipato: il ministro delle Infrastrutture Maurizio Lupi, il governatore Roberto Maroni, il commissario unico Expo Giuseppe Sala, il sottosegretario all’Expo Maurizio Martina e il vicesindaco di Milano Ada Lucia De Cesaris.

Il ministro Lupi ha annunciato che nascerà un "fondo unico del governo per le opere infrastrutturali di Expo", grazie a un emendamento alla legge di Stabilità, che raccoglierà le risorse che dovrebbero andare a finanziare opere in vista dell’evento che però non verranno iniziate in quanto comunque non sarebbero pronte per il 2015.

Sulla realizzazione delle opere Lupi ha detto: "Siamo tranquillissimi su Brebemi e stazione Forlanini e ottimisti su M1, M4, Tem e Rho-Monza".

A definire le nuove priorità delle infrastrutture sarà il 'Sottotavolo Infrastrutture' che si terrà il 13 novembre, come ha fatto sapere l'assessore regionale alle Infrastrutture e Mobilità Maurizio Del Tenno.

Saranno ridefinite le opere che riusciranno a essere completate in tempo e quali no.

Il Presidente Maroni ha applaudito all’iniziativa del Governo: "Il fondo unico è una novità importante e utile. Entro il 15 novembre il sottotavolo infrastrutture delineerà le opere. La Pedemontana si farà come previsto con vari tratti e un cronoprogramma che non interferisce con l'Expo. Riguardo la Tem, non si deve fare solo l'Arco tem ma tutto e così si farà".

Sulla Rho-Monza , ha spiegato, si attende il parere del Ministero dell'Ambiente sulle mitigazioni ambientali dei lotti 1 e 2, "ma se non arriveranno entro il 15 novembre, per noi sarà come se fossero negativi".

Il commissario Sala ha infine assicurato che "non si stanno cancellando opere, ma che si faranno comunque dopo l'Expo". Sala ha anche spiegato che "sarà realizzato un parcheggio bus di 6/700 posti nell'area di cascina Merlata". Da lì partirà la passerella di accesso al sito Expo, che sarà preceduta dai cancelli di ingresso che saranno posizionati in modo tale che quando i visitatori raggiungeranno la passerella avranno già effettuato tutte le operazioni di controllo richieste per l'accesso.

Il vicesindaco De Cesaris ha dichiarato: "L'impegno assunto oggi dal Governo rappresenta un fatto positivo e rassicurante: la creazione di un fondo unico per le opere di Expo 2015 è una buona notizia per Milano e la Lombardia. Inoltre, siamo particolarmente soddisfatti del fatto che sia stata definita una strategia di razionalizzazione delle risorse, che comporta, da una parte, il finanziamento immediato  delle opere necessarie per Expo e, dall'altra, la conferma di progetti importanti, che il nostro territorio attende da tempo e la cui realizzazione sarà, comunque, assicurata dopo Expo. Il Tavolo Lombardia di oggi ha confermato che la macchina operativa per Expo 2015 procede a pieno ritmo, supportata da un buon gioco di squadra da parte di tutti gli enti e i soggetti coinvolti".

L'assessore regionale alle Infrastrutture e Mobilità Maurizio Del Tenno spiega: "Per quanto riguarda la realizzazione delle infrastrutture i lavori procedono con l'impegno di tutti i soggetti coinvolti, ma permangono ancora alcuni nodi nevralgici da sciogliere, sui quali occorre confermare gli impegni, condividere le soluzioni che assicurino al meglio il raggiungimento degli obiettivi funzionali a Expo, prevenendo le possibili criticità. Il 'Sotto-tavolo' sarà l'occasione per una ricognizione puntuale delle opere con la progettazione definitiva approvata e la cui realizzazione risulterà essere funzionale ad Expo. Stileremo una lista da sottoporre al Ministero con la consapevolezza che non si tratta di tagli, ma di una riprogrammazione".

04/11/13
Categoria: Impresa e Istituzioni

Tipologia: Scenario nazionale