• Facebook
  • Twitter
  • YouTube
  • Instagram

Regge il turismo internazionale in Lombardia nonostante la crisi: nel 2013 sono stati oltre 20 milioni i viaggiatori stranieri arrivati, in leggera flessione rispetto al 2012 (-1,2%), grazie anche al buon posizionamento della regione tra le principali destinazioni turistiche italiane vendute a livello internazionale.

È quanto emerge da un'elaborazione della Camera di Commercio di Milano basata su dati registro imprese e Banca d'Italia 2013 e 2012 e su dati dell'Indagine sul turismo organizzato di Unioncamere e Isnart relativi alle offerte dei tour operator internazionali. 

La Lombardia è quinta tra le regioni più consigliate dai tour operator internazionali dopo Lazio, Veneto, Toscana e Campania.

Nei mercati asiatici è la seconda destinazione turistica italiana per coreani e giapponesi, la terza per i cinesi e la quarta per gli indiani con una forte attrattività anche tra russi.

I turisti stranieri sono attirati soprattutto da Milano - meta per il 33,9% dei viaggiatori internazionali - e dalle province dei laghi, Varese (24,6%) e Como (22%). 

Cresce nel 2013 la presenza degli stranieri nei settori legati al turismo: +8,7% le imprese straniere attive tra ristorazione, alloggio, agenzie di viaggio e tour operator a Milano e +8,4% in Lombardia.

Si tratta di circa 4.200 imprese su un totale di 18mila attive a Milano (il 23%) e 8.800 su 55mila in Lombardia (il 16,1%). Una presenza che aumenta considerando le nuove imprese: è straniero il 40% delle imprese turistiche nate nel 2013 a Milano e il 29,4% di quelle nate in Lombardia

 

 

 

 

 

02/04/14
Categoria: Impresa e Istituzioni

Tipologia: Regione Lombardia