• Facebook
  • Twitter
  • YouTube
  • Instagram

Alla presenza del Presidente del Consiglio dei Ministri Enrico Letta e del Primo Ministro spagnolo Mariano Rajoy Brey, lunedì 27 gennaio, la Spagna ha firmato il contratto di partecipazione a Expo Milano 2015. Il documento è stato sottoscritto nell’ambito del Vertice intergovernativo Italia-Spagna che si è tenuto a Villa Madama, a Roma, dal Commissario Unico Delegato del Governo per Expo Milano 2015 Giuseppe Sala e dal Commissario Generale del Paese Maria Teresa Lizaranzu Perinat, Presidente di AC/E Accion Cultural Espanola, l’ente per la promozione estera del patrimonio artistico e culturale della Spagna, responsabile dello sviluppo del Padiglione.

"Per la Spagna sarà un onore partecipare a Expo Milano 2015, siamo convinti che sarà un successo". Lo ha detto il premier spagnolo Mariano Rajoy, al termine del vertice.

"Il 2014 inizia sia per la Spagna sia per l'Italia senza la tempesta finanziaria. Ci aspettiamo che il 2014 sia un anno di crescita sia in Spagna che in Italia", ha rassicurato il premier Enrico Letta.

Il Padiglione della Spagna si svilupperà su una superficie di circa 2.000 metri quadrati e si articolerà, grazie a un gioco di spazi chiusi e aperti, in una struttura armoniosa ed equilibrata ad alto impatto visivo, privilegiando l’impiego di materiali riciclabili e a basso impatto ambientale. Il progetto architettonico e il design dello spazio espositivo saranno oggetto di un bando pubblico di gara, aperto ad architetti e designer.

 La Spagna interpreterà il tema dell’Esposizione Universale “Nutrire il Pianeta, Energia per la Vita” seguendo tre linee guida: tradizione e innovazione nei processi produttivi, con una grande attenzione all’uso sostenibile delle risorse; creatività e innovazione della cucina e delle tradizioni alimentari spagnole, per offrire ai visitatori un viaggio che dalla cucina tradizionale e dalla dieta mediterranea arriva alle interpretazioni più creative che hanno reso la cucina spagnola famosa a livello internazionale; produzione agricola sostenibile, come strumento per preservare il territorio e sviluppare modelli alternativi di turismo.

(immagine: www.expo2015.org)

27/01/14
Categoria: Impresa e Istituzioni

Tipologia: Milano Provincia