• Facebook
  • Twitter
  • YouTube
  • Instagram

Il 6 dicembre la Romania ha firmato contratto di partecipazione a Expo Milano 2015.

Il documento è stato sottoscritto dal Commissario Generale del Padiglione della Romania per Expo Milano 2015 Georgian Ghervasie e dal Direttore Generale della Divisione Participants di Expo 2015 S.p.A. Stefano Gatti.

“Il nostro padiglione – ha spiegato il Commissario Generale Georgian Ghervasie – intende sviluppare a livello tematico alcune priorità nazionali: agricoltura sostenibile, biodiversità, energia rinnovabile, sviluppo regionale, competitività e innovazione. Il nostro obiettivo è quello di evidenziare l’unicità culturale e la ricchezza delle tradizioni romene. Siamo certi che la partecipazione della Romania a Expo Milano 2015 contribuirà al rafforzamento della cooperazione bilaterale con l’Italia, basata sul Parteneriato Strategico Consolidato, mediante l’organizzazione di ampie azioni di diplomazia pubblica ed economica su tutto il periodo di svolgimento dell'evento universale”.

La Repubblica di Slovenia ha firmato il 9 dicembre il contratto di partecipazione all'Expo che si terra' a Milano nel 2015. La sottoscrizione del documento e' avvenuta in occasione dell'''Italia-Slovenia Investment Forum' al Palazzo della Borsa di Milano alla presenza dei capi di governo dei due Paesi.
Il vertice, promosso dall'Ice, ha rappresentato l'occasione per fare il punto sullo 'stato di salute' dei rapporti tra i due Paesi. L'Italia si conferma secondo partner commerciale della Slovenia, sia come fornitore che come cliente, ed il terzo Paese investitore. L'economia slovena e' concentrata principalmente sui servizi che rappresentano il 66% del Pil.
''Spero e credo che la cooperazione tra Slovenia e Italia si sviluppera' ulteriormente nei prossimi anni e che entrambie le economie trarranno beneficio da questa cooperazione'', ha detto Alenka Bratusek, primo ministro della repubblica di Slovenia, sottolineando che eventi come questo rappresentano un passo importante per rinvigorire i legami d'affari ed economici tra i due Paesi. Alenka Bratusek, che ha annunciato l'istituzione di un forum italo-sloveno, ha illustrato anche la situzione attuale della Slovenia evidenziando che il governo sloveno sta prendendo misure importanti per stabilizzare il sistema bancario nazionale e migliorare la gestione delle partecipazioni pubbliche.
All'interno di questa strategia il governo privatizzera' imprese statali non strategiche. Il primo pacchetto di privatizzazioni comprende 13 societa' e una banca. La privatizzazione, ha detto ancora la Bratusek, sara' implementata attraverso bandi pubblici trasparenti. La priorita' sara' data a partners strategici interessati a investimenti a lungo termine con piani di sviluppo solidi.

 



09/12/13
Categoria: Impresa e Istituzioni

Tipologia: Scenario nazionale