• Facebook
  • Twitter
  • YouTube
  • Instagram

L’inaugurazione di BreBeMi è una notizia importante per le imprese lombarde soprattutto in vista di Expo.

“BreBeMi, inaugurata oggi insieme al collegamento con TEEM, è la prima grande opera infrastrutturale completata in tempo per Expo Milano 2015 – rilevaRenato Borghi, vicepresidente vicario di Confcommercio Lombardia – e con i suoi62 km di tracciato decongestionerà l'attuale rete stradale e autostradale lungo il corridoio Milano-Bergamo-Brescia, una delle arterie italiane più interessate dalla presenza di attività economiche. Il miglioramento dei tempi di percorrenza è un fattore fondamentale per le imprese”.

L’opera consentirà di velocizzare il trasporto delle merci  - a regime BreBeMi sarà percorsa da 60mila veicoli ogni giorno - alleggerendo anche del 60% il traffico dei veicoli pesanti lungo gli attuali principali itinerari di attraversamento: autostrada A4 e strade statali e provinciali (soprattutto SS11 e SS573). Un risparmio di 6.8 milioni di ore di lavoro in meno perse ogni anno in coda.

Di rilievo anche il potenziale vantaggio per il turismo : il tracciato di BreBeMi, con 130 comuni che si snodano lungo l’asse della nuova autostrada tra Brescia e Milano, ha infatti anche un’importante vocazione turistica, con quasi 3.500 posti letto nelle strutture ricettive, oltre 800 ristoranti e circa 350mila presenze di visitatori italiani e stranieri ogni anno. “E’ una posizione strategica – prosegue Borghi – per l’accesso al Garda e per l’afflusso di visitatori dalla direttrice del Brennero”.

E’ anche un esempio concreto del ruolo positivo svolto dalle Camere di Commercio sul territorio.  BreBeMi è stata, infatti, promossa – fin dall’avvio dell’idea progettuale – dalle Camere di Commercio di Brescia, Bergamo, Milano e Cremona che in questi anni hanno dato un contributo fondamentale per l’avvio e la realizzazione dell’opera. E ad oggila Società Autostrade Lombardespa, che si occupa della realizzazione della nuova autostrada, è partecipata anche dalle quattro Camere di Commercio.

“Soltanto nel 2013 – conclude Borghi – le Camere di Commercio lombarde hanno ‘restituito’ in contributi economici per oltre 103 milioni di euro i proventi dei diritti versati dalle imprese: per opere infrastrutturali, innovazione, attrattività dei territori, accesso al credito, sempre in stretto coordinamento con la Regione e avendo come obiettivo preciso la competitività

23/07/14
Categoria: Impresa e Istituzioni

Tipologia: Regione Lombardia