• Facebook
  • Twitter
  • YouTube
  • Instagram

Si è svolta il 29 maggio a Milano, presso la sede dell’Ispi – Istituto per gli Studi di Politica Internazionale - la conferenza “Un patto globale per il cibo”. 

Durante l’incontro si è parlato della sfida alimentare globale che segnerà profondamente il nostro futuro, anche sul piano delle relazioni internazionali. Dalla produzione alla volatilità dei prezzi, dalla mancanza di acqua ai cambiamenti climatici, dal fenomeno dell’urbanizzazione crescente al fenomeno del land grabbing, dal cambiamento delle diete a quello più generale dei consumi. 

Scopo della conferenza, a meno di un anno da Expo Milano 2015, è stato avviare un confronto costruttivo tra gli attori coinvolti su questi rilevanti temi globali. 

Ai lavori sono intervenuti tra gli altri: il ministro alla Politiche Agricole Maurizio Martina, il ministro agli Affari Esteri Federica Mogherini, il sindaco di Milano Giuliano Pisapia, il commissario unico per Expo Giuseppe Sala e il direttore generale della Fao Josè Graziano Da Silva

Nel corso dell’evento, Maurizio Martina ha annunciato che a settembre, durante il Semestre Europeo italiano, si svolgerà a Milano un incontro informale fra i ministri dell’Agricoltura dell’Unione Europea, mentre nella primavera 2015 verrà organizzato un Forum globale dei ministri dell’Agricoltura di tutti i Paesi partecipanti all’Esposizione Universale. 

In agenda anche la Icn2, la seconda Conferenza Mondiale sulla Nutrizione, l’evento della Fao che si terrà il mese prossimo a Roma, cui parteciperanno 183 Paesi membri e la cui agenda sarà legata a quella dell’Expo.

A New York, invece, ci sarà il Summit Mondiale della Fao, in programma nel novembre 2015, subito dopo la chiusura dell’Esposizione Universale di Milano. 

Inoltre, il ministro Federica Mogherini ha dichiarato che l’Onu potrebbe tenere il proprio World Food Day a Milano in occasione di Expo. 

Al convegno “Un patto globale per il cibo” è intervenuto anche Paolo Barilla, vicepresidente della Fondazione Barilla Center for Food & Nutrition, per parlare del “Protocollo di Milano” proposto dalla stessa Bfcn, che verrà sottoposto alla firma dei Paesi partecipanti all’Expo. 

La speranza di tutti i partecipanti è che, grazie a Expo Milano 2015, si possa mettere i grandi temi legati all’alimentazione al centro dell’agenda politica degli Stati.

30/05/14
Categoria: Impresa e Istituzioni

Tipologia: Milano Provincia