• Facebook
  • Twitter
  • YouTube
  • Instagram

“Hive”, il Padiglione del Regno Unito s’ispira alla forma di un alveare per trasmettere l’invito alla collaborazione e all’operosità. È firmato dall’artista di Nottingham Wolfgang Buttress, specializzato nel design per l’arredo urbano. Il suo progetto è stato scelto da una giuria presieduta da Andrew Summers, presidente della Westminster Business School, ed è risultato vincitore su altri 7 partecipanti. Il padiglione ha un costo di 6 milioni di sterline e verrà realizzato da Stage One e Rise Mc, due società britanniche di costruzioni.

La presenza del Regno Unito a Expo Milano 2015 sarà coordinata dal governo britannico e dalla sua agenzia UK Trade & Investment (Ukti) per la promozione dell’export e l’attrazione degli investimenti.

Expo Milano 2015 sarà un’occasione per la Gran Bretagna di presentare al mondo le tecnologie più avanzate applicate all’industria alimentare. L’agri-tech, la produzione di cibo e bevande rappresentano nel Regno Unito, il settore di maggiore crescita in grado di attrarre gli investitori.

“Expo è una fantastica opportunità per l’Italia, per il nostro Paese e per i creativi, il sistema economico e le comunità di ricercatori britannici, perché possiamo mostrare al Mondo quanto stiamo facendo per contribuire alla sfida di nutrire il Pianeta”, ha commentato Hannah Corbett, Commissario Generale del Regno Unito per Expo.

Il padiglione ha il compito di sviluppare il tema nazionale “Grown in Britain”, coltivato nel Regno Unito. La costruzione si presenterà come un globo dorato in un reticolo di tubi d’acciaio dalla forma di alveare che sorgerà al centro di una vasta area fiorita.

La struttura sarà in grado di riprodurre il ronzio di uno sciame di api, in base a segnali provenienti da una vera colonia di api e di illuminarsi grazie a un sistema di luci a Led. Si tratta di un device frutto del più innovativo hi-tech made in UK in grado di percepire e riprodurre le vibrazioni emesse dalle api. L’idea è del team di Martin Bencsik, della Trent University’s School of Science and Technology che, nel 2011, ha studiato come impiegare degli accelerometri per “tradurre” il linguaggio delle api.

Padiglione Regno Unito 835X500

30/06/14
Categoria: Impresa e Istituzioni

Tipologia: Scenario nazionale