• Facebook
  • Twitter
  • YouTube
  • Instagram

Sono 65mila le imprese di giovani (under35) nate nei primi sei mesi del 2016 in Italia e quasi 10mila con sede in Lombardia. Milano con 3.538 imprese e un peso del 5,4% sul totale nazionale è tra le prime aree per concentrazione di nuove imprese giovani, dopo Roma che è prima con 4.732 (7,2%) e Napoli (4.403, 6,7%). Il 30% delle imprese nate nel 2016, è in mano a titolari con meno di 35 anni con punte di circa il 40% a Caltanissetta, Isernia, Cuneo, Napoli e Enna.

Tra le imprese giovani una su tre (30%, circa 20 mila) è in mano a donne e una su cinque (20,6%, quasi 14 mila) in mano a stranieri. Se le donne pesano di più a Grosseto (38% delle neo imprese sono femminili), Lucca, Pistoia, Rimini e Siracusa (tutte al 36%) è Prato la regina delle imprese straniere, con il 52,3% in mano a titolari nati all’estero, seguita da Reggio Emilia (39,9%), Milano (38%) e Firenze (37,1%).

Emerge da un’elaborazione Camera di commercio di Milano su dati del registro imprese al secondo trimestre 2016.

Le imprese di giovani nate nel 2016 in Lombardia. Sono 9.503 le imprese giovani (con titolari under 35) nate tra gennaio e giugno 2016, 52 al giorno, e pesano il 14,5% del totale italiano. Milano è prima con 3.538 imprese seguita da Brescia (1.190), Bergamo (971), Varese (774) e Monza (719). Le imprese giovani pesano sulle nuove nate soprattutto a Sondrio (36,7% delle nuove iscritte) e Como (31,8%) e se Pavia e Sondrio sono i territori dove le donne pesano un terzo delle imprese iscritte nel 2016 (rispettivamente 33,4% e 32,1%) gli stranieri pesano soprattutto a Milano (38% delle nuove iscritte giovani), Mantova (32,1%) e Cremona (31,2%).

 

 

07/09/16
Categoria: Impresa e Istituzioni

Tipologia: Regione Lombardia