• Facebook
  • Twitter
  • YouTube
  • Instagram

Durante l’incontro “L’innovazione al servizio del cibo del futuro” organizzata dalla Chambre Française de Commerce et d'Industrie en Italie e dall'Agenzia Francese per gli Investimenti Internazionali in collaborazione con la Camera di Commercio di Milano, si è discusso di Expo 2015 e delle occasioni che la Francia offre alle imprese dell’agroalimentare.

Sono forti i legami tra Lombardia e Francia: nel 2013, infatti, su circa 14,6 miliardi di euro di interscambio di prodotti agroalimentari della Lombardia con il mondo, quasi un quinto, pari a 2,6 miliardi, ha riguardato la Francia.

Crescono le esportazioni che passano dai 764 milioni di euro nel 2012 ai 792 del 2013: sono soprattutto prodotti alimentari specializzati (661 milioni di euro) in particolare prodotti lattiero caseari (circa 200 milioni) e prodotti da forno (154 milioni contro 74 di import).

Dalla Francia, invece, arrivano in territorio lombardo soprattutto formaggi (489 milioni) e prodotti agricoli, animali e pesci (circa 420 milioni). Buono anche l’interscambio di bevande (182 milioni di euro) con i vini e champagne francesi che battono i prodotti lombardi 2 a 1 (117 milioni di import contro 64 di export) anche se i vini lombardi guadagnano terreno, +6,6 milioni di euro in un anno le esportazioni di bevande contro -10 milioni registrato dalle importazioni. Sono alcuni dei dati che emergono da elaborazioni del Servizio Studi della Camera di commercio di Milano su dati Istat 2013 e 2012.

Milano è prima per export (205 milioni) e import (614 milioni). La seguono Pavia (135 milioni) e Bergamo (103 milioni di cui quasi la metà bevande) per esportazioni, Brescia (196 milioni) e Mantova (181 milioni, per la metà prodotti agricoli, animali e della caccia) per importazioni. 

19/06/14
Categoria: Impresa e Istituzioni

Tipologia: Scenario nazionale