• Facebook
  • Twitter
  • YouTube
  • Instagram

Oltre 60 tour operator internazionali e nazionali hanno partecipato a palazzo Reale al primo Tourism Summit di Expo Milano 2015, organizzato da Expo 2015 spa in collaborazione con FieraMilano/Bit2014 e Agenzia Nazionale del Turismo-Enit.

I lavori sono stati aperti dal sindaco Pisapia e sono proseguiti con le relazioni di Piero Galli, direttore generale divisione gestione evento di Expo 2015 spa, sull’importanza strategica dell’Esposizione Universale per il settore del turismo nazionale e internazionale, e di Sergio Rossi, della Camera di Commercio di Milano, che ha parlato di Explora e spiegato come la rete delle camere di commercio italiane possa contribuire alla crescita del sistema turistico.

Filippo del Corno, assessore alla cultura del comune di milano, e Alberto Cavalli, assessore al Commercio, Turismo e Terziario di Regione Lombardia, hanno presentato l'offerta culturale e artistica della città e della regione.

Il direttore generale dell’agenzia nazionale del turismo-Enit, Andrea Babbi, ha illustrato il piano promozionale di fiere ed eventi in ambito italiano e internazionale previsto per l’appuntamento del 2015. Giuliano Noci ha invece presentato gli obiettivi della società Explora, costituita per promuovere il territorio milanese, lombardo e italiano presso i grandi tour operator mondiali, in vista di Expo Milano 2015.

La vendita dei biglietti per Expo Milano 2015 comincerà il 1 marzo 2014. L’obiettivo è arrivare a vendere 4-5 milioni di ticket prima che inizi l’esposizione e di riuscire a vendere un milioni di biglietti alle famiglie di origini italiane all'estero, in particolare del Sud America. Prima della data ufficiale di marzo, toccherà a Bit 2014 e, in particolare, al Bit BuyExpo, offrire la possibilità di programmare e acquistare in anteprima i pacchetti turistici legati all’esposizione universale. 

Da un’indagine che la  Camera di Commercio di Milano ha realizzato in collaborazione con Expo 2015 sull’indotto che l’evento produrrà tra il 2012 e il 2020 e un sondaggio su 400 operatori del settore è emerso:

- una crescita del fatturato del settore turismo milanese del 10%;

- un lascito di 84 mila posti di lavoro in più.

E' cambiato il turista tipo: "più stranieri e più cultura", quest’anno infatti il turismo culturale ha raggiunto per importanza quello d'affari, 11%, seguito da quello per lo shopping, 6%.

I visitatori stranieri pesano sul fatturato per oltre il 50%.

Le imprese del settore danno un voto di quasi 7 al sistema turistico milanese, punti di forza i monumenti (30%), i collegamenti (22%), lo shopping (21%) e l’offerta culturale (18%).

Tra i luoghi d’attrazione al primo posto il Duomo (39%), il Castello (26%), il Cenacolo (12%), la Galleria (11%) e la Scala (5%).

Tra le proposte lanciate dagli operatori per cogliere le potenzialità di Expo Milano 2015 ci sono quelle di potenziare i mezzi pubblici tra Milano e le zone vicine (43%), i servizi informativi tradizionali (17%), gli orari di apertura della città e dei monumenti (16%), oltre a segnalare come esigenze per la città nuove toilette pubbliche.

A fine lavori è seguita la conferenza stampa.

Hanno partecipato: Carlo Sangalli, presidente di Camera di Commercio di Milano; Giuseppe Sala, commisario unico delegato dal Governo per Expo Milano 2015;  Giuliano Pisapia, sindaco di Milano e Roberto Maroni, presidente di Regione Lombardia.

Hanno detto:

Carlo Sangalli: “Il successo di Expo sarà determinato soprattutto dai nuovi flussi turistici che il sistema Milano-Italia saprà attrarre e valorizzare. Per ottenere questo risultato è necessario un sistema integrato del turismo che è alla base della creazione di Explora, la nuova società che unisce Camera di commercio di Milano e Unioncamere, Regione Lombardia ed  Expo 2015 spa. Significa anche creare nuovi percorsi rispetto alle classiche mete e servizi nell’offerta turistica proponendo una nuova modalità di visitare il nostro territorio. Questo “pacchetto turismo per Milano e la Lombardia”, che allargheremo all’Italia, può rappresentare un importante indotto economico e culturale e sarà una delle principali eredità dell’Esposizione Universale”.

Giuseppe Sala: "Il prezzo medio dei biglietti si aggirerà intorno ai 22 euro, ma ci saranno biglietti differenziati, ad esempio a seconda del fatto che siano per giorni specifici o per periodi flessibili, per particolari categorie come giovani e anziani, a seconda del canale di vendita (via web o cartaceo), o se per visite pomeridiane (per evitare ingorghi al mattino) o per Expo by night. Le tariffe verranno nel dettaglio rese note a dicembre. La cosa importante è lavorare per la vendita dei grandi gruppi. I nostri partner hanno, a loro volta, punti vendita importanti, penso a Coop Italia, a Tim o Banca Intesa. Siamo già avanti con questi accordi".

Giuliano Pisapia: "Nei sei mesi di Expo 2015 una Milano più attrattiva e competitiva si aprirà al mondo e il mondo arriverà per vivere non solo l'esperienza unica di Expo ma anche i tantissimi eventi culturali, scientifici e sportivi che riempiranno di giorno e di notte la vita della città e del suo territorio. Ai tour operator internazionali oggi abbiamo illustrato cosa Milano e l'Italia hanno in cantiere per il 2015. È stato un momento importante di una comunicazione che nei prossimi mesi diventerà sempre più intensa in Italia e all'estero.  Expo sarà così un volano di accelerazione per uno dei settori più importanti e in crescita d'economia globalizzata, l’industria del turismo. Milano negli ultimi anni ha già al suo attivo risultati più che soddisfacenti. Pur in tempi di crisi economica, nel periodo 2008-2012 abbiamo avuto un aumento del 14% di arrivi di turisti italiani, ma soprattutto un +32% di stranieri. Nel 2012, rispetto all’anno precedente, sono arrivati 4.325.087 turisti, mentre le presenze sono state 9.107.615. Con un consistente incremento degli arrivi da Cina e Russia nel primo trimestre 2013. La sfida oggi è proprio intercettare l'onda montante dei turisti in arrivo dai nuovi protagonisti dell'economia e politica internazionali. Quei Paesi dell'Asia, dell'Africa e dell'America Latina che hanno già aderito in gran numero all'Esposizione Universale e che in gran parte hanno già mostrato notevole interesse a essere presenti con loro eventi economici e culturali a 'Expo in città'. Milano sarà pronta a accoglierli".

Roberto Maroni: "Abbiamo creato la società Explora che deve fornire proposte che vanno al di là del sito Expo, coinvolgendo i territori e le regioni. Giovedì sarò a La Spezia, per presentare Explora a bordo dell’Amerigo Vespucci, un grande suggestivo evento che servirà anche per firmare un accordo di cooperazione, sul terreno turistico, con la regione Liguria. Un primo partner per presentare un’offerta turistica che va oltre Milano, persino oltre la Lombardia. Questa è la strada giusta. Faremo lo stesso – conclude Maroni - con le altre regioni confinanti, Piemonte e Veneto, spero anche col Canton Ticino".

 

(foto: www.expo2015.org)

01/10/13
Categoria: Impresa e Istituzioni

Tipologia: Milano Provincia