• Facebook
  • Twitter
  • YouTube
  • Instagram

E' stato presentato il 26 marzo a Roma, presso la scuola Isis Vencenzo Gioberti, il “Progetto Scuola di Expo Milano 2015”. Al via dal prossimo anno un progetto sperimentale per inserire nelle scuole italiane uno specifico programma di educazione alimentare, promosso dai Ministeri dell’Istruzione e dell’Agricoltura. 

Si stima che saranno circa 2 milioni gli studenti, tra italiani e stranieri, a visitare Expo Milano 2015, ossia il 10% dei visitatori totali attesi. 

Sensibilizzarli alle problematiche che la manifestazione affronterà e renderli protagonisti nell’elaborazione dei contenuti è uno dei pilastri del Protocollo d’Intesa siglato lo scorso dicembre dal Miur e Expo 2015 spa, in accordo con Padiglione Italia. 

Dopo il successo della fase pilota, che nel 2013 ha coinvolto 39 istituti di Monza - tra scuole dell’infanzia, primarie e secondarie di primo e secondo grado -, il “Progetto Scuola” entra nel vivo della attività, sviluppandosi attraverso cinque filoni principali: 

  • progetti didattici innovativi e concorsi di idee sui temi di Expo: ci sarà un concorso per l’ideazione di percorsi didattici multidisciplinari e la realizzazione di prodotti basati sull’utilizzo di tecnologie digitali riguardanti i temi cardine dell’Esposizione Universale;
  • piattaforma web “Progetto Scuola”: i contenuti prodotti dalle scuole verranno condivisi attraverso le piattaforme web del “Progetto Scuola”;
  • coinvolgimento e partecipazione delle scuole a Expo 2015: saranno promosse gite scolastiche e agevolazioni per studenti, famiglie e insegnati;
  • percorsi dedicati nel sito e presenza nel Padiglione Italia: verranno ideati itinerari di visita dedicati alle scuole e saranno messi a disposizione spazi per le attività degli studenti anche nel Padiglione Italia;
  • scambi e gemellaggi: sarà aperto un bando per favorire gli scambi e gemellaggi tra scuole e università italiane e internazionali.  

L’iniziativa è stata illustrata dal ministro dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca Stefania Giannini insieme con il ministro per le Politiche agricole, alimentari e forestali Maurizio Martina, il commissario unico per Expo Milano 2015 Giuseppe Sala e il Presidente della Rai Anna Maria Tarantola. All’incontro era presente anche il fondatore di Waste Watcher Andrea Segrè, che ha raccontato l’esperienza del primo osservatorio italiano sullo spreco alimentare.

 

 

31/03/14
Categoria: Impresa e Istituzioni

Tipologia: Scenario nazionale