• Facebook
  • Twitter
  • YouTube
  • Instagram

Progetti finanziabili per la sicurezza delle imprese: la nuova edizione del bando Inail (ISI)

Contributi a fondo perduto per 6 tipologie di progetti

L’Inail (Istituto nazionale per l’assicurazione contro gli infortuni sul lavoro) ha pubblicato la nuova edizione del Bando Incentivi per la Sicurezza delle Imprese (ISI). Il bando prevede la concessione di un contributo a fondo perduto alle imprese di ogni settore economico che realizzano progetti finalizzati a conseguire un effettivo e concreto miglioramento dei livelli di salute e sicurezza nei luoghi di lavoro.

Sono ammissibili al contributo 6 tipologie di progetti:

  1. progetti di investimento finalizzati alla riduzione dei rischi arrecati da agenti chimici, rumore, vibrazioni meccaniche, biologico, caduta dall’alto, infortunistico, sismico e lavorazioni in ambienti confinati o sospetti di inquinamento (ad esempio acquisto e installazione d’impianti di aspirazione e captazione gas, macchine/impianti che utilizzano agenti chimici, sistemi di isolamento dell’operatore, pannelli fonoassorbenti, ancoraggi, robot e droni);
  2. progetti per l’adozione di modelli organizzativi e di responsabilità sociale (es. adozione sistema certificato UNI ISO-45001:2018, SGSL previsto da accordi Inail – Parti sociali, modello organizzativo e gestionale di cui all’art. 30 del d.lgs. 81/2008, sistema di responsabilità sociale secondo lo standard SA 8000, rendicontazione sociale asseverata da terzi);
  3. progetti di bonifica da materiali contenenti amianto: rimozione di intonaci, coibentazioni, condotte di vapore, canne fumarie, piastrelle e pavimentazioni, coperture, pareti.
  4. progetti per la riduzione del rischio da movimentazione manuale di pazienti e carichi di materiali (es. opere murarie volte ad ampliare ingressi/aree di manovra e/o acquisto dispositivi medici/accessori per lo spostamento dei pazienti, acquisto manipolatori e robot collaborativi, piattaforme, carrelli, argani);
  5. progetti per micro e piccole Imprese che operano in specifici settori di attività - pesca; tessile-confezione-articoli in pelle e calzature - per ridurre i rischi da movimentazione manuale dei carichi, infortunistico, rumore e vibrazioni, incendio ed esplosione, ambientale, chimico (es. sostituzione macchine per tessitura, per calzaturificio e per la lavorazione della pelle, acquisto e installazione di pannelli fonoassorbenti, cappottature, sistemi antivibranti, impianti di aspirazione e captazione gas, macchine per la lavorazione pelli/cuoio, robot, carrelli e argani; sistemi fissi di aspirazione/filtrazione, macchine per foratura/fresatura, bordatrici, seghe squadratrici);
  6. progetti per micro e piccole imprese che operano nel settore della produzione agricola primaria dei prodotti agricoli.

Il contributo ottenibile è pari al 65% dell’investimento complessivo ammissibile per un importo compreso tra:

  • un minimo di 5.000 euro e un massimo di 130.000 euro per i progetti che rientrano nella tipologia da 1. a 4.;
  • un minimo di 2.000 euro e un massimo di 50.000 euro per i progetti delle micro e piccole imprese che rientrano nella tipologia 5.;
  • un minimo di 1.000 euro e un massimo di 60.000 euro per i progetti delle micro e piccole imprese che rientrano nella tipologia 6.

Nel periodo compreso tra l’11 aprile e il 30 maggio alle ore 18 sarà possibile procedere alla compilazione telematica del modulo di domanda tramite il portale dell’Inail. L’utilizzo dei servizi online Inail per l’invio della domanda è riservato al responsabile dell’impresa o suo delegato attraverso il possesso di credenziali dispositive. Per dotarsene sono disponibili 5 modalità alternative:

  1. accesso tramite Carta Nazionale dei Servizi : inserimento della smart card nel lettore e digitazione del codice pin della carta;
  2. accesso tramite credenziali Inps: digitazione del pin dell’Inps oppure, in caso di mancato possesso del pin, preventiva richiesta del pin online nel portale Inps;
  3. accesso tramite credenziali Spid (Sistema pubblico per la gestione dell'Identità digitale) di secondo livello: digitazione credenziali Spid scegliendo dall’elenco il proprio Identity Provider (Infocert, Poste o Tim);
  4. registrazione al portale Inail come utente con credenziali dispositive/Richiedi credenziali dispositive: compilazione, stampa e firma del modulo "Utenti con credenziali dispositive" generato dal portale, da allegare corredato di una copia fronte/retro di un documento di riconoscimento valido, e inviare. La sede Inail competente invierà entro 3 giorni la prima parte delle credenziali tramite sms e la seconda parte tramite email o pec;
  5. richiesta credenziali dispositive presso la sede territoriale dell’Inail competente presentando l’apposito modulo “Utente con credenziali dispositive” corredato di una copia fronte/retro di un documento di riconoscimento valido.

Una volta in possesso delle credenziali dispositive dell’Inail, sarà possibile entrare nella pagina accedi ai servizi online, digitando nome utente e password, e compilare la domanda selezionando dal menu a tendina la voce Incentivi alle Imprese/Bando ISI 2018. Tramite questa procedura sarà possibile conoscere immediatamente il punteggio attribuito al progetto inserito.

- I progetti che ottengono un punteggio inferiore a 120 punti non verranno salvati dal sistema informatico in quanto non ammissibili;

- i progetti che raggiungono e superano i 120 punti verranno registrati nel sistema informatico dell’Inail e otterranno un codice di identificazione che dovrà essere inviato in forma telematica (“click day”) entro i termini pubblicati sul sito Inail a partire dal 6 giugno.

Ciascuna impresa può presentare una sola domanda di contributo in una sola Regione o Provincia Autonoma, per una sola tipologia di progetto tra quelle sopra elencate, riguardante una sola unità locale.

Le domande con i relativi progetti verranno valutate con procedura “a sportello” in base all’ordine cronologico di ricevimento del codice di identificazione.

Sono ammissibili esclusivamente i progetti per il miglioramento documentato delle condizioni di salute e sicurezza dei lavoratori rispetto alle condizioni preesistenti e riscontrabile, ove previsto, con quanto riportato nella valutazione dei rischi aziendali, che rientrano in una delle sei tipologie elencate. I progetti estranei a questo obiettivo non saranno accettati in sede istruttoria.

La documentazione relativa al bando è consultabile - per i soci con credenziali - nella sezione “Bandi” del portale, all’interno dell’area: “Bandi, Credito e Finanziamenti”.

Per supporto e informazioni rivolgersi alla propria associazione di riferimento.

 

 

 

18/01/19
Categoria: Area media

Tipologia: Milano Provincia