• Facebook
  • Twitter
  • YouTube
  • Instagram

Il comodatario che, allo scopo di utilizzare la cosa, ritenga opportuno sostenere  spese di manutenzione straordinaria, qualora le stesse non risultino riconducibili alla categoria delle spese straordinarie necessarie e urgenti per la conservazione della cosa,  può liberamente scegliere se provvedervi o meno, ma, se decide di affrontarle, lo fa nel suo esclusivo interesse e non può conseguentemente, pretenderne il rimborso dal comodante.

In tal senso si è espressa la prima sezione Cass. Civ., con ordinanza n. 15699 del 14.06.2018 circa la non obbligatorietà del comodante di sostenere le spese di manutenzione straordinaria, qualora le predette spese non risultino necessarie e urgenti ai fini della conservazione del bene immobile.

Il testo dell’ordinanza è disponibile presso la Direzione Servizi Legali.

 

16/07/18
Categoria: Supporto fiscale e legale

Tipologia: Scenario nazionale