• Facebook
  • Twitter
  • YouTube
  • LinkedIn

Si è tenuta l’11 maggio a Verona la prima riunione del tavolo di coordinamento convocato dal vice ministro per le Infrastrutture e le Mobilità sostenibili, Alessandro Morelli con i governatori di Lombardia e Veneto, Attilio Fontana e Luca Zaia e con i presidenti delle province Autonome di Trento e Bolzano, Maurizio Fugatti e Arno Kompatscher per fare il punto sulle infrastrutture legate alle Olimpiadi invernali Milano-Cortina 2026 e il relativo coordinamento per il quale Morelli ha la delega.

“Quella di oggi - ha spiegato il vice ministro - è la prima riunione del tavolo di coordinamento per arrivare al più importante appuntamento del Paese dopo la tragedia Covid”.

Il vice ministro ha poi evidenziato che per le Olimpiadi Milano-Cortina 2026 c’è la “necessità di un commissario, un’esigenza riconosciuta dagli interlocutori. Quindi le priorità sono la chiusura a breve della partita della società delle Olimpiadi e la nomina di un commissario”. 

“La mia volontà è che questo tavolo coinvolga tutte le regioni italiane - ha continuato - perché quelle di Milano e Cortina siano le Olimpiadi di tutta l’Italia. Parliamo di investimenti per 11 miliardi di euro per una serie di realizzazioni infrastrutturali e di innovazione tecnologica. Penso soprattutto alla digitalizzazione nel campo dei trasporti. Vi è la necessità di un commissario, indispensabile per dare agli enti locali più poteri. Purtroppo in Italia vige il Codice degli appalti che è una non norma e ci pone molte criticità. Il Codice degli appalti deve essere sospeso almeno fino alla fine della crisi economica perché non è coerente con le necessità di questo Paese».

“Un incontro molto positivo – ha dichiarato il presidente di Regione Lombardia Attilio Fontana - Con il viceministro Morelli abbiamo chiarito le priorità sulle quali intervenire per non rischiare di arrivare in ritardo. La prima è la necessità di una figura commissariale con poteri reali che lavori alla semplificazione delle procedure per la realizzazione delle opere pubbliche. La seconda è mantenere permanente il tavolo di coordinamento tra Ministero e territori, affinché vengano tempestivamente individuate e affrontate le problematiche su cui intervenire”.

11/05/21
Categoria: Impresa e Istituzioni

Tipologia: Milano Provincia

 
Richieste e segnalazioni